Home - page S. Giorgio Village Contrada Tufarelle Locale Nazionale Blog Contattaci

Giorgio Ambrosoli

Angelo Vassallo

I 10 post più letti

Manifestazione Roma - Roma.asp
Visite: 3906

Lo sponsor - Doc_176.asp
Visite: 2697

La riscossa dell’Ente Inutile - 27
Visite: 2521

Il Museo Archeologico di Canosa: una favola finita male, anzi...bene! - Doc_158.asp
Visite: 2457

San Giorgio Village - SGV.asp
Visite: 2262

Sono così innocue le biomasse? - Doc_133.asp
Visite: 2086

Inceneritore SOLVIC a Tufarelle: un gran polverone - Doc_134.asp
Visite: 2074

Suona la campanella…è evacuazione antincendio! - Doc_203.asp
Visite: 2069

- Doc_118.asp
Visite: 2065

Meno male che Francesco c’è - Doc_123.asp
Visite: 2001

I post più recenti

E Sabino riuscì a non diventare sindaco

I biperdenti – parte 2

I perdenti – parte 1

Io Sabino

Il partito dei disperati che sperano

Non c’eravamo poi tanto amati

La commissione fantasma

Quei dirigenti inguaiati

Il Gigione

I fratelli coltelli della sinistra.

Il lavoro secondo Matteo

Conti difficili (parte II)

Conti difficili (parte I)

Caos PD

Il colonnello Renzy


Titolo Argomento Sommario
Il lavoro secondo Matteo Jobs Act Le modifiche alla legislazione sul lavoro sono una costante degli ultimi vent’anni. Il Jobs Act renziano rientra tra quei diversivi a cui siamo abituati. Ciclicamente qualcuno si illude di movimentare il mercato del lavoro cambiandone le regole e magari per un po’ funziona.
Il colonnello Renzy Politica nazionaleDa competitor alle Primarie di coalizione del 2012 a vincitore di quelle del PD del 2013, a capo del governo nel 2014. La strepitosa carriera di un giovanotto che nel suo curriculum politico, prima di allora, poteva vantare solo la presidenza della Provincia di Firenze e la sindacatura della medesima città.
Le ragioni del sì Referendum 2011 Quattro ben assestati sì per dire no ad una classe dirigente di destra insensibile, tracotante, spesso arrogante, che ha dimenticato il gusto del rischio e la passione per il Bene Comune.
Cambia il vento Referendum 2011Si chiude vittoriosamente una delle campagne referendarie più osteggiate della storia della Repubblica. Hanno vinto i sì non senza passare per un percorso piuttosto travagliato, in cui le istituzioni hanno operato per far mancare il quorum.
L’equivoco grillino e il delitto perfetto La crisi politicaIl M5S è di destra o di sinistra? Loro non si considerano appartenenti ad alcuna delle famiglie politiche tradizionali, si ritengono al di sopra. Il problema semmai è di chi vorrebbe catalogarli sulla base del programma. E lì qualche abbaglio è stato preso.
Idioti a 5 stelle Politiche 2013Il M5S è il vero vincitore delle Politiche 2013. Ma i leader del movimento si rifiutano di assumere responsabilità di governo nonostante non esista una situazione migliore per realizzare riforme che si attendono da decenni. L’idiozia politica al potere.
Il venditore di fumo Fine di un regime? Si chiude una delle peggiori epoche del nostro dopoguerra. La dittatura morbida di Silvio B. sta volgendo al termine dopo quasi un ventennio.
Il salto nel buio Accordo sulla produttività Si scrive accordo sulla produttività, ma si legge salto nel buio. In cambio di qualche agevolazione fiscale, si concedono alle aziende strumenti che fanno compiere alla lotta politica e sindacale passi indietro di qualche decennio, e tutto in nome di un malinteso senso della modernità.
Il ritorno del Caimano Verso le politiche 2013 Torna il Caimano impunito con le sue idee strampalate. Ma è a sinistra che la discussione sembra essere più lacerante, tra primarie, regole non ancora definite, coalizioni estremamente mutevoli. Più che una festa decisoria del candidato premier, sembra un congresso mascherato dai risvolti imprevedibili.

Gli utili idioti

Fantapolitica vers. 3 Il potere legislativo vota a favore di un ricorso alla Consulta contro il potere giudiziario che ha messo sotto inchiesta il capo dell’esecutivo. Un rompicapo per de Montesquieu. - continua -

Affari di Stato

Fantapolitica vers. 3 Mondo arabo attraversato da fermenti, Italia ferma, indecisa sul da farsi ed incapace di gestire i massicci arrivi di migranti. Incredibile, ma vero, quella che una volta si fregiava di essere la settima potenza mondiale, trasforma in affare di Stato una semplice questione umanitaria. - continua -

Realpolitik

Fantapolitica vers. 3 Guerra in Libia e forti rivendicazioni in quel mondo arabo che non accetta più di essere dominato da autentici dittatori. L’ambiguo atteggiamento delle potenze occidentali. - continua -

La versione di Oscar

Fantapolitica vers. 3 Giannino, in un editoriale, critica i siti antinuclearisti che avevano paventato il rischio atomico già venerdì 11 e prende una cantonata storica, ritenendo che il nucleare moderno sia sicurissimo e che in Giappone non c'è stato alcun incidente. - continua -

Se non ora, quando?

Fantapolitica vers. 3 Pubblico un pezzo che mi ha inviato Anna Ferrante, dietista, donna di sinistra e naturalmente indignata (ma forse è solo un eufemismo) per come certa destra considera la donna. - continua -

Le bollenti notti di Ardcore

Fantapolitica vers. 3 Torna il bunga bunga, ma questa volta si rischiano seriamente elezioni anticipate. E i berluscones non sanno cosa inventarsi per limitare il calo di consensi per il loro capo. - continua -

Fabbrichetta Italia

Fantapolitica vers. 3 Fabbrica Italia e gli investimenti di Marchionne in cambio della rinuncia ad alcuni diritti acquisiti. Un caso di scuola emblematico del rapporto che si va affermando tra capitale e lavoro. - continua -

Bunga bunga country

Fantapolitica vers. 3 La dittatura scientifica di Mister B. Siamo proprio sicuri che gli scandali sessuali del premier non siano altro che una grande arma di distrazione di massa? Dopo la Repubblica delle Banane, quella del Bunga Bunga. - continua -

L’azzardo del Cavaliere

Fatto politico o semplicemente di potere? La stranissima crisi di Berlusconi IV, che rischia di mandarci ad elezioni anticipate dopo poco più di due anni. Ma il parallelo con il precedente governo Prodi sembra non essere così proponibile, considerate le differenze. - continua -

Il ritorno del Ganassa

Quando il gatto è fuori, nel PDL accade di tutto. Mentre Papi è in missione, Fini strapazza Bondi ed il relatore della manovra da 24,9 miliardi si inventa refusi, pronto a rimuoverli al primo stormir di proteste. Battute penose di un governo che ancora una volta corre il rischio di non mangiare il panettone. - continua -

Lo specchio deformato

Sconfitta per 3 a 2 contro la Slovacchia e via con ignominia dal Mondiale sudafricano. La vittoria ha tanti padri, la sconfitta è quasi sempre orfana. A questa nazionale forse solo in pochi hanno creduto, quelli che si sono ostinati pervicacemente a farlo - continua -

L'uomo con il maglione - parte 2

Ciò che lascia perplessi in tutta questa vicenda, è la reazione del mondo politico in generale, e delle forze di destra in particolare, ad alcune dichiarazioni francamente avventate dell’amministratore delegato. Tempo fa, intervistato sul caso dello stabilimento di Termini Imerese - continua -

L'uomo con il maglione - parte 1

Indubbiamente, la vicenda di Pomigliano d’Arco costituisce un autentico unicum nell’Italia repubblicana, se non altro per come si possa perfino vaticinare la fine dello stato di diritto, così come lo abbiamo conosciuto sinora, e sacrificarlo sull’altare della globalizzazione - continua -

Un paese alla deriva

Ridimensionamento dei metodi di indagine con intercettazioni telefoniche e compressione della libertà di stampa e del diritto ad essere informati da parte dei cittadini. Una nazione che ha perso la sua anima e la sua capacità di raccontarsi.

Il pasticciaccio

Un’inchiesta aperta a Trani per carte di credito a tasso usuraio ed il premier finisce sotto inchiesta per minacce e concussione. Un uomo perseguitato dalla giustizia che non riesce mai a telefonare senza commettere un qualche reato.

I nuovi corrotti

Piccoli casi isolati? Mele marce, birbantelli o il sintomo di un male esteso che colpisce la politica in generale e quella di un certo colore in particolare? La corruzione che diventa sistema e che si lascia infiltrare pesantemente perfino dalla malavita organizzata, dalle mafie.

Ritorsione del Governo all'azione delle Regioni sul nucleare

Pubblico la presa di posizione del WWF Italia in merito alla decisione del Ministro Scajola di impugnare quelle leggi regionali che di fatto impediscono la costruzione di centrali nucleari senza che vi sia l’accordo delle Regioni.

Mi chiamo Guido e risolvo i problemi

Il dott. Bertolaso Guido, ministro prossimo venturo per investitura diretta del PresdelCons, entra a gran titolo nel club dei gaffeur internazionali, ridotta assurta a dignità di circolo esclusivo da quando il Berlusca lo anima con le sue irresistibili gag. Se la prende con gli americani che non sarebbero sufficientemente bravi nel portare aiuti alle popolazioni haitiane devastate dal terremoto. Un'uscita che ricorda quella di un irresistibile personaggio di "Pulp fiction": sono Wolf e risolvo i problemi.

La provetta esplosa

Il capolavoro di Baffino di ferro. Riesce a far perdere Boccia per la seconda volta alle primarie. Non contento, manda fuori tempo massimo Casini che pur di rimanere in gioco ed evitare l’onta dell’umiliazione di chiedere il pane ad uno dei due forni, è costretto ad attrezzarsi in proprio con uno nuovo di zecca affidato ad Adriana Poli Bortone.

Il miracolato di Arcore

Giornata di festa per il PDL in cui non mancano le solite invettive del premier contro giudici e avversari politici. Il bagno di folla finisce però con un aggressione. Un ingegnere di 42 anni con problemi psichici lancia contro Berlusconi un oggetto che lo colpisce al volto. Dal PDL si grida all’attentato.

Povera Italia

Sull’orlo del baratro ed in prossimità di un disastro ecologico dai contorni apocalittici. Eppure Papi non sembra aver capito. Le sue ossessioni sono altre. Delirio senile o strategia comunicativa? Mentre le notizie vengono fatte passare davanti al teleschermo a velocità supersonica, pochissimo si riferisce di un altro caso: quello del Cunsky, il mercantile affondato al di là delle coste ioniche sospettato di essersi inabissato con un carico di materiale radioattivo.

I farabutti 2

La prima puntata di Annozero fa infuriare il premier che in visita all'estero parla per interposta persona, il ministro Scajola, e fa attivare una procedura di censura nei confronti di Santoro. A mandarlo su tutte le furie sembra sia stata la partecipazione alla trasmissione di Patrizia D'Addario, la escort barese che ha offerto i suoi servizi al Berlusca.

I farabutti 1

Riprende Annozero (la trasmissione giornalistica di Michele Santoro) con il contratto di Travaglio non ancora firmato e i trailer bloccati. Santoro fa circolare un'e-mail in cui chiede a tutti gli utenti della rete di diffonderli. E' quello che abbiamo fatto.

Il regime perfetto

Si può definire regime quello di Berlusconi o siamo alla barzelletta finale di un caudillo che non perde tempo per attaccare ogni voce di dissenso possibile? Autoritarismo democratico o regime di stampo sudamericano? Quanto conta nel programma politico del premier il Piano di Rinascita democratica della P2?

Berlusca decadence

Lo strambo attacco di Feltri a “l’Avvenire” è una questione solo italiana o dietro vi è l’azione di qualche potenza alleata decisa a liberarsi di Berlusconi? La pazza storia di questa fine estate finita in un guazzabuglio nel quale nessuno sembra trovare il bandolo della matassa, premier compreso.

Il Partito del Sud

La politica si fa furba. Ha capito che gli innamoramenti leghisti possono produrre qualche contraccolpo nelle roccaforti della Destra nel Meridione: parte di Italia che ha premiato oltremodo le politiche incredibili dei governi di Papi. Tentano una via di fuga con il Partito del Sud, strada irta di difficoltà.

Terremoto in Abruzzo: una debacle tutta italiana

Nuovo terremoto in Italia, questa volta in Abruzzo. Una tragedia come sempre annunciata e per certi aspetti peggiore delle precedenti, per quanto accaduto prima e per quello che si è scoperto dopo. Sempre il risultato delle solite furberie, imbrogli, irregolarità, violazioni che ci fanno rassomigliare più a nazioni dei paesi emergenti che a quella che si propaganda come settima potenza mondiale. Quasi tutti i vizi di una comunità nazionale che sta perdendo, o ha già perso, l’amore per se stessa.

Silvio e il garage Olimpo

Berlusconi non rinuncia mai alle sue uscite estemporanee condite da gaffe incredibili. Questa volta è toccato alla tragedia dei desaparecidos in cui sono state coinvolte anche famiglie italiane. Gaffeur involontario e impenitente o precisa strategia comunicativa?

Eluana Englaro – parte 2

Uno strano attivismo coglie il Governo che lo porta a boicottare prima la clinica “Città di Udine”, poi a tentare di annullare una sentenza della Cassazione per decreto ed infine a rallentare i tempi per la legge sul testamento biologico, tornata in commissione dopo che la morte di Eluana ha reso non più “urgente” la discussione ed, eventualmente, l’approvazione.

Eluana Englaro – parte 1

Un caso pubblico o lo sfruttamento di una vicenda privata per pura propaganda politica? Un passaggio obbligato di civiltà o una gigantesca arma di distrazione di massa? L’Italia si divide sul fine vita, ma dimentica che la civiltà sta nella tolleranza e nella capacità di porsi pacatamente e rispettosamente questioni fondamentali, possibilmente senza ideologismi.

Social card

Il Governo Berlusconi si pone il problema di come superare la crisi economica e dal cilindro di Tremonti sbuca una iniziativa che di futuristico ha solo la plastica con cui è fatta; per il resto è una vecchia riedizione della tessera di povertà. Alle origini di una crisi annunciata, ma, più che prevista ed affrontata, semplicemente esorcizzata.

Quinte colonne 2

Seconda puntata di Quinte colonne. Il sen. Latorre passa i pizzini all'on. Bocchino del PDL ed il sen. Villari proprio non vuole saperne di dimettersi.

Quinte colonne

I guai per l'opposizione non vengono tutti dal Governo, ci sono episodi che fanno pensare all'esistenza di quinte colonne interne alle forze che si oppongono alla Destra.

Gli abbronzati

Ennesima gaffe di Berlusconi che definisce Barak Obama bello, giovane e abbronzato suscitando polemiche in mezzo mondo e anzichè scusarsi aggiunge che la sua era semplicemente una carineria e chi non capisce è un imbecille.

Un Nuovo "68

La rivolta nelle Università e nelle scuole in seguito all'approvazione della Legge Gelmini ha rievocato per qualcuno antichi fantasmi. Sarà tornato il "68 o ci troviamo semplicemente d'avanti ad una legittima protesta di studenti, insegnanti e lavoratori della scuola in genere preoccupati per il loro futuro?

Berlusconi e l'ambiente

La questione ambientale si può ancora ritenere tale o appartiene al novero di quegli argomenti che possono avere più o meno successo a seconda del momento?

I neoleninisti

I neoleninisti, ovvero quell'intreccio di capitalisti e liberisti che di fronte ad una crisi epocale in cui tutti i santuari del capitalismo sembrano in caduta libera, invocano a gran voce l'intervento dello Stato.

Alitalia: affare fatto

L'affaire Alitalia sembra essersi concluso. A CAI sono finite le attività produttive della compagnia di andiera, mentre il resto rimane allo stato nelle isponibilità del Commissario straordinario che dovrà decidere come chiudere la faccenda. Non è scluso che alla fine dovremo ritrovarci sul groppone una somma di qualche miliardo di euro in nome dell'italianità presunta del gruppo.

La fine di un'illusione

Alitalia: CAI decide di ritirare l'offerta per la good- company di ciò che rimane di Alitalia

Alitalia: l'ultimatum

L'ultimatum: entro le ore 16 CAI deciderà cosa farne dell'offerta Alitalia. Prendere o lasciare.

Alitalia: ad un passo dal baratro?

Alitalia. Le colpe della politica, la scarsa lungimiranza del sindacato. Una situazione che rischia di implodere.

La prevalenza del cretino (parte 2)

Seconda e per ora ultima parte dell'affaire Alitalia. Air France che si ritira, il Caimano che vince le elezioni ed ora deve tenere fede alle promesse. Ne viene fuori un pateracchio ed il forte rischio che di tutta l'operazione possa rimanere solo un pessimo odore di bruciato.

La prevalenza del cretino (parte 1)

Alitalia. Un caso politico o imprenditoriale? Ricostruendo gli eventi sembra quasi che dietro quanto accaduto, a partire dal fallimento della proposta Air France, alla costituzione della Compagnia aerea italiana, ci sia un'abile regia politica a cui si son prestati sia imprenditori che sindacati.

E' possibile ancora sperare?

E' ancora lecito sperare e pensare di avere un futuro in Italia? Sguardo su una generazione disincantata che nonostante tutto si illude ancora che sia possibile non già cambiare il mondo, ma quanto meno riuscire a sbarcare il lunario.

Opinione pubblica

Esiste ancora un'opinione pubblica di sinistra in Italia? Scalfari sostiene che c'è, ma è in profonda crisi di identità, schiacciata tra una visione del mondo che non le appartiene, ma che pregna ogni giorno la nostra vita, ed una crisi politica che sembra non avere sbocchi

Paraculi di governo

Mentre nel cuore dell'Europa infuriano venti di guerra, il premier è nel suo ritiro vacanziero di Villa Certosa in Sardegna; il Ministro degli Esteri, Frattini è invece alle Maldive a godersi le immersioni di Ferragosto.

Travaglio a 'Che tempo che fa'

Bufera su Marco Travaglio dopo la sua partecipazione alla trasmissione di Fazio. Esistono ambiti in Italia dove non è possibile raccontare tutto?

Naziskin a Verona.

Il giovane Nicola Tommasoli viene ammazzato a Verona per una sigaretta da un gruppo di suoi coetanei di destra. Balordi o figli dei nostri tempi?

Fascisti a Roma.

Alemanno eletto nuovo sindaco di Roma

Le lacrime delle donne.



Politiche 2008.

Quali scenari ad un giorno prima del voto?

Politiche 2008.

La sorpresa finale

Lettera a Berlusconi.

Risposta alla lettere che io ed altri italiani abbiamo ricevuto dall'attuale capo dell'opposizione, nonchè aspirante premier per la quinta volta. Quando si dice il nuovo che avanza

Democrazia conculcata.

Ha ancora senso parlare di democrazia? O ci stiamo assuefacendo a forme subdole di autoritarismo?

Calabrino Calabrò

La sentenza della Corte di giustizia del Lussemburgo e la reazione dell'AGCOM

La sindrome canosina.

Ovvero il rischio che un cappotto travolga il Centro-Sinistra alle politiche di Aprile

Legge 194.

E' proprio la legge sull'aborto in discussione o il tutto fa parte di un combinato disposto?

Walter e il programma.

Serve davvero un programma quando sono le contingenze a dettarlo?

Ciccio e Tore.

Assasinio o disgrazia? Il ritrovamento dei corpi dei due bambini riapre l'inchiesta

I nuovi ricchi.

Qualcuno ci guadagna dalla stasi economica e per loro non esistono crisi che tengano

La tragedia di Molfetta.

Cultura della sicurezza, precarietà e morte

Trombature preventive.

Prodi annuncia che si ritirerà dalla politica e Mastella non trova posto in nessuna lista

Siti di interesse locale

Nino Imbrici blog

Agostino Di Ciaula blog - La voce degli invisibili

Leonardo Mangini blog

Comune di Canosa di Puglia

Canusium

Associazione sportiva Canusium

Campi diomedei

Presepe vivente

Canosa presepi

Canosa - sito in allestimento

Promozione del vino DOC

Giuseppe Cioce, consulente finanziario indipendente

Articoli per altri siti

Forum e nik name - 09.07.07

Pizzuto presidente del Consiglio comunale - 13.07.07

Registro tumori 1 - 29.11.07

Registro tumori 2 - 11.12.07

S. Giorgio Village - 04.01.08

Emergenza rifiuti in Campania - 06.01.08

Siti di interesse nazionale